29° Pranzo Tipico Sardo all'ANFFAS

Giovedì, 14 Marzo 2019 18:50

 

Il giorno 31 Marzo p. v. presso il Centro ANFFAS di Gaglianico si terrà il tradizionale Pranzo Tipico Sardo organizzato in collaborazione con il Circolo
"SU NURAGHE" di Biella.

 

 

 

 

Evento conclusivo Capacity

Lunedì, 18 Febbraio 2019 12:08

Eccoci all'evento conclusivo del Progetto "Capacity: la legge è uguale per tutti".

Un lavoro che ci ha visti coinvolti tutti per quasi un anno e che adesso giunge al suo termine

Mara & Michele

Gavino Còntini compie 90

Lunedì, 11 Febbraio 2019 22:15

Grande festa Domenica 10 Febbraio alla Comunità Alloggio Mario e Marie Gianinetto di Salussola, Gavino Còntini ha compiuto 90 anni. Gavino è infatti nato a Silanus (NU) il 10 febbraio 1929, è arrivato nel Biellese a casa del fratello Salvatore nel 1967 dopo il decesso del padre Giovanni. Ha lavorato per un po' come operaio al Lanificio Reda di Alberto Blotto, nel contempo collaborava con il parroco di Pettinengo, facendo il sacrestano. Nel 1973 ha incominciato a frequentare saltuariamente i laboratori dell'ANFFAS. Dal 1983, finita l'esperienza lavorativa ha incominciato a frequentare i laboratori ergoterapici dell'ANFFAS, nel frattempo il fratello Salvatore è diventato il Presidente dell'ANFFAS di Gaglianico, Gavino, nel 2001 è entrato a vivere presso la comunità di Salussola, che è diventata molto presto la “sua casa”, continuando a frequentare i laboratori dell'ANFFAS, nel 2009 ha deciso che sarebbe andato in pensione, da li non ha più voluto saperne di “lavorare” ne a Gaglianico ne nelle serre di Salussola, lui è andato in pensione. Oggi vive serenamente la sua buona vecchiaia negli spazi che si è creato e difende, in comunità, ama poco uscire se non per andare a mangiare la “pissa”, ovvero la pizza margherita con le acciughe accompagnata da una birra piccola.

Un persona con disabilità a questa età è un miracolo ?

No, afferma il nostro Direttore, il miglioramento della qualità della vita ha fatto si che l'aspettativa di vita di “tutte” le persone sia in crescita, è così anche per le persone con disabilità, Gavino non è l'unico, abbiamo diverse altre persone che sono “fuori età”, ovvero oltre i 65 anni, sono persone che hanno avuto una qualità di vita adeguata, in contesti positivi, adeguatamente assistiti, curati e coccolati dai nostri operatori, poi forse c'è anche quella che viene chiamata “stoffa”, Gavino è sardo e notoriamente la gente di Sardegna ha una ottima stoffa.

Condividiamo con voi la sentenza del TAR Valle d’Aosta del 14 gennaio 2019 che si è pronunciato sul ricorso per il progetto individuale ai sensi della legge 328/2000 e della legge regionale in Valle d’Aosta n. 14/2008

Come abbiamo più volte detto la legge 328/2000 ha previsto che i disabili debbano avere un progetto individuale che comprende le prestazioni di cura e di riabilitazione a carico del Servizio sanitario nazionale, i servizi alla persona e le misure economiche necessarie per il superamento di condizioni di povertà, emarginazione ed esclusione sociale.

A diciotto anni dall’approvazione della legge le istituzioni pubbliche italiane hanno ancora enormi difficoltà a predisporre e ad attuare questi progetti individuali. Forti criticità ci sono anche in Valle d’Aosta dove la predisposizione di questi progetti dovrebbe essere sotto molti punti di vista più facile essendo l’unica Regione italiana dalla quale dipendono contemporaneamente sanità, servizi sociali e istruzione. In Valle d’Aosta fino al 2018 non sono stati approvati progetti individuali, nonostante siano stati previsti anche da una legge regionale del 2008. E anche nel 2018 i progetti approvati sono limitati a 11 casi “sperimentali” in tutta la Valle.

 

 

Bardonecchia 2019

Sabato, 19 Gennaio 2019 23:28

Sono tornati ieri da Bardonecchia i nostri atleti Special Olimpycs, ecco l'articolo che l'amico Stefano Zavagli ha pubblicato oggi a Pag. 61 de "La Stampa". Un plauso a Michele Pera, Luciano Maino, Roberto Penzo, Marco Bonadeo tutti medagliati, ma anche a Paolo Massazza e gli altri atleti non medagliati. Un ringraziamento al nostro Tecnico Davide Crispo Barbato e a tutti i tecnici accompagnatori di ASAD Biella.